Kiwanis Club Acireale- Conferenza PDF Stampa E-mail
Un argomento particolare quello sviluppato dal Preside Emerito Prof. Alfonso Sciacca nel Palazzo di Città di Acireale, venerdì 15 dicembre e cioè: “ La sofferta narrazione della nostra insularità” attraverso le opere di autori quali Giuseppe Tomasi di Lampedusa e Leonardo Sciascia e non solo di essi. Il relatore, presentato dal presidente Rosario Bertino, ha offerto al pubblico presente nella sala stampa del Palazzo di Città uno spaccato storico-letterario della nostra Sicilia che in quanto “isola” non ha avuto o subito la contiguità territoriale di altre regioni nel bene e nel male che ciò ha determinato. La “ nostra solitudine “si è definita in centinaia di anni in cui la nostra è stata terra di conquista, una vera “ colonia “ per i greci, i romani, gli arabi, i normanni, gli spagnoli e i….Savoia…. Leggendo alcune parti de “ Il Gattopardo “ o de “ I Vicerè “ di Federico De Roberto o saggi critici di L. Sciascia, si evince, il perché di questo “ torpore “ che caratterizza il siciliano che non crede ai cambiamenti che possano alterare lo status quo. La sofferenza sicula è frutto soprattutto dalla mancata identità di popolo in quanto le varie dominazioni subite, hanno si portato’ conoscenze, variazioni genetiche ecc… ma hanno spento la voglia di emergere per trovare una propria collocazione fra i popoli dell’area mediterranea. In questo siamo eterogenei: biondi, bruni, alti, bassi..con un miscuglio di lingue determinato dalle varie dominazioni e con alcuni vocaboli derivati dal sanscrito. Il prof. A. Sciacca ha sottolineato il suo profondo e quasi irreversibile “pessimismo “ in relazione alla situazione odierna e futura per i giovani costretti ad emigrare, sottraendo così linfa vitale per un cambiamento socio-culturale e di rinascita. Pur avendo uno “ Statuto Regionale Speciale “ frutto di un contentino datoci per la “ annessione …” , non siamo riusciti a trarne vantaggi!!! In tutto questo la cosiddetta “ insularità “ ha certamente avuto ed ha un suo peso: il mare ci separa dagli altri e gli… altri… hanno ulteriormente aggravato il nostro isolamento. Con queste amare considerazioni il relatore, che ha affascinato i presenti, chiude il suo intervento e solo un po’ di ottimismo ci viene dato dal nostro Presidente KC-Acireale R. Bertino, speranzoso che le nuove tecnologie che superano i confini geografici possano far risvegliare nei siciliani le potenzialità di cui sono capaci.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ignazio Mammino