kiwanis

KIWANIS ONE DAY: KC-ACIREALE E KC-CATANIA CENTRO NELLA CITTA’ DI ACIREALE PDF Stampa E-mail

Il Kiwanis Club Acireale e il Kiwanis Club Catania Centro, sabato 27 ottobre 2018, in occasione delle celebrazioni mondiali per il  Kiwanis One Day, hanno organizzato una giornata turistico-culturale nella Città di Acireale. Il corposo programma ha previsto diversi momenti. Si inizia con una visita dedicata alle attività di laboratorio didattico per ragazzi delle scuole elementari e medie presso la fondazione del Credito Valtellinese di Acireale, all’interno della mostra “I Pulcini di Casiraghy”. Grazie alla guida e alle dotte informazioni forniteci dalla  dott.ssa Ilenia Vecchio abbiamo potuto apprezzare il significato delle numerose opere tipografiche in esposizione del maestro tipografo/editore Casiraghi(y).
Allego una nota descrittiva sull’autore:
È il panettiere degli editori, 
l’unico che stampi in giornata.
Vanni Scheiwiller

I miei libretti non sono solo parole e immagini messe su carta: sono oggetti vissuti perché ad ognuno di essi c’è un incontro particolare. Da me vengono persone strepitose, nascono amicizie… Ogni incontro è una storia, un ricordo. Potremmo parlare di antropologia dell’editoria.


Alberto Casiraghi, in arte Casiraghy (“per un piccolo vezzo”, ama dire lui), “è nato con piacere a Osnago” – così inizia la sua biografia pubblicata sulla quarta dei suoi libri – nel 1952. È poeta ma soprattutto pensatore, pittore, ex liutaio, violinista e fondatore della casa editrice Pulcinoelefante, unica nel realizzare libri stampati esclusivamente a caratteri mobili, piccole opere d’arte che in sole quattro pagine svelano la profondità di aforismi, poesie, corredate di incisioni o acquerelli. Dal 1982, la Pucinoelefante ha pubblicato più di 8.000 opere, stampate su una pregiatissima carta prodotta in Germania, la Hahnemuhle, con l’antica pressa in piombo che Casiraghy, negli anni Ottanta, ha acquistato in liquidazione dalla tipografia Same di Milano, dove lavorava come apprendista compositore stampando i più importanti quotidiani di quegli anni, da Il Giornale di Montanelli all’Avanti!.   
Da quel momento, l’abitazione di Casiraghy a Osnago, nel Lecchese, diventa la “stamperia” Pulcinoelefante, un’accogliente villetta a due piani in cui ogni stanza ha funzione editoriale, dalla cucina-rilegatoria alle camere-archivio, con i tavoli, le pareti, i mobili imbottiti di carta, luogo prediletto in cui scrittori, pittori, intellettuali, amici si incontrano, chiacchierano, creano e bevono come in un café francese dell’Ottocento.
Il nome che Casiraghy ha scelto per la sua casa editrice è metafora dell’associazione tra gli autori di oggi, spesso esordienti, e i grandi poeti del Novecento, da Campana a Gadda, da Pasolini a Penna, da Luzi a Pound, le cui opere sono accompagnate da illustrazioni di artisti del calibro di Munari, Baj, Tadini, Paladino, Mainolfi, Parmiggiani, Della Casa, Nespolo e molti altri. Alberto Casiraghy ha spiegato come la scelta di pubblicare un’opera non dipenda da un suo giudizio personale, piuttosto dall’alchimia che si crea tra lui e lo scrittore, dall’inatteso incontro d’amore con il verso di una poesia, nel rispetto profondo per qualsiasi libera espressione. È ciò che è avvenuto agli inizi degli anni Novanta con Alda Merini, l’incontro più importante nella storia della Pulcinoelefante, se pensiamo che Casiraghy ha stampato più di mille suoi libriccini, illustrati da più di cento artisti diversi, tra cui lui stesso.
A seguire i soci hanno potuto apprezzare le bellezze della Basilica di San Sebastiano, il suo barocco, la storia del Santo  con la caratteristica festa . Una fugace e rapida visita al Duomo di Acireale ove per via dell’ ora tarda non è stato possibile apprezzare la “ meridiana “. Brunch presso la famosa Pasticceria Costarelli di Piazza Duomo cui ha fatto seguito la visita al Presepe Settecentesco e in conclusione la passeggiata al Borgo Marinaro di Santa Maria La Scala.
I Presidenti Salvatore Peluso per il Club di Acireale e Giovambattista Vecchio per il Club Catania Centro hanno, a conclusione della giornata,  ringraziato i soci e ospiti partecipanti, rinnovando  per il futuro ulteriori progetti insieme, nello spirito di amicizia kiwaniana  che lega i due club da sempre.

 Ignazio Mammino

 

Articoli correlati