kiwanis

BELLINI, LA SUA MUSICA E IL SUO TEATRO AL KIWANIS CATANIA ETNA PDF Stampa E-mail

Numerosi i soci,gli officers dei vari clubs kiwaniani insieme ai dirigenti divisionali e distrettuali, fra i quali il luogotenente governatore della Divisione “Sicilia 2” ing. Filippo Lizzio, i past governatori dott.Nicolò Russo, Ing.Isidoro Privitera e Avv.Giuseppe Spampinato, con la presenza del Presidente del Consiglio Comunale di Catania dott. Marco Consoli che, in rappresentanza della Civia Amministrazione , intervenendo ha ringraziato il Club per l’argomento scelto e l'avv. Antonio Fiumefreddo per essere riuscito a riconsegnare alla nostra città per la fruizione il teatro Massimo Bellini con indubbi benefici effetti culturali e sociali.

Il presidente del Club, ing. Antonino Santonocito , in via preliminare ha voluto ricordare la Giornata dei Diritti dell'Infanzia, facendo risaltare le pessime condizioni in cui versano i minori nella nostra città e manifestando i propositi di collaborazione con tutte le istituzioni per una profusione di energie atte a superare la crisi stagnante nei vari quartieri e ciò anche alla luce del service mondiale del Kiwanis “ serving the children of the world”. Presenta, quindi, ai presenti il relatore, illustrandone l'ampio e ricco curriculum di attività culturali, professionali e sociali, mettendo in risalto i meriti per l'impegno profuso nel rilancio del teatro Massimo Bellini a livello nazionale e internazionale. Facendo seguito a quanto detto sui minori, l'avv. Fiumefreddo sottolinea come tra i compiti suoi propri uno dei più importanti è quello di avvicinare i bambini al Teatro, il quale ha un ruolo educativo nella città, come anima culturale dei catanesi, e ciò per evitare il rischio di perdere l'identità della cultura storica della nostra città. Il teatro deve scendere in piazza, avvicinarsi a tutte le categorie di persone, farsi conoscere, "mobilitare per nobilitare".- Il teatro deve essere aperto a tutti e per tutti, perché ognuno possa sorbire la linfa che da esso emana sotto il profilo sociale, umano e non solo culturale.- Il sovrintendente avv. Fiumefreddo ha quindi presentato un lungo elenco di discrasie, di assurde situazioni consolidate nel tempo, che hanno bloccato la rinascita ed il rilancio del teatro a livelli adeguati al suo valore storico e artistico.- Il suo è un programma fatto di serietà, di impegno, di eliminazione dei privilegi, di impiego oculato delle risorse, di rispetto per i 15000 abbonati che per anni hanno sostenuto e tenuto in vita il nostro teatro.

Il Massimo Bellini è andato in giro per il mondo su invito dei teatri più importanti del mondo, a New York, a Parigi, a Londra, in Spagna, in Israele, a Bratislava.- cComitive di stranieri vengono e chiedono di Vincenzo cBellini, delle sue opere, del suo teatro che in così breve tempo ha cambiato il volto della città.- Il teatro, Bellini, la sua musica, la sua arte, e il nostro costante impegno, conclude Fiumefreddo, possono certamente aiutare Catania, se e soprattutto le istituzioni ad ogni livello si impegnano a sostenere l'ardua impresa per risalire dal baratro, anche culturale, in cui siamo caduti. Gli interventi del dott. Nicolò Russo, dell'avv. Rapicavoli, dell'avv. Spampinato, dell'ing. Lizzio e del presidente Santonocito hanno coronato l'esito felice della serata che è stata seguita con notevole interesse dai numerosi presenti.

Pippo Spampinato

 

Articoli correlati