kiwanis

PROGETTO "Il Pitagorino" PDF Stampa E-mail

Venerdi, 8 maggio 2009 presso l’istituto G. Verga di Giarre, si è svolta la prima edizione del progetto “il Pitagorino”, una prova di matematica riservata agli alunni della quinta classe di scuola primaria. La prova, sponsorizzata dalla rivista Focus Junior e dalla Italiana Assicurazione, prevedeva la soluzione di n. 35 quesiti, abbastanza difficili, in un arco di tempo di due ore. Sono stati previsti cinque premi , di cui i primi tre in denaro (€ 150,00 al primo classificato, € 75,00 al secondo e € 50 al terzo), inoltre l’abbonamento annuale a Focus Junior per i primi cinque classificati, a tutti i partecipanti una pen drive da due giga, una maglietta e un cappellino con il logo del Pitagorino e del Kivanis International Gli obiettivi da raggiungere sono i seguenti :

Coinvolgere tutti i ragazzi delle scuole primarie in una competizione sana e leale;

Appassionare i giovani allo studio della matematica; La vita di ogni individuo è un susseguirsi continuo di cimenti nei quali il successo è spesso determinato dal fatto di riuscire a ottenere risultati migliori. Competere è quindi necessario e decisivo in politica, in economia , in un concorso per un posto di lavoro e sempre più spesso nella scuola. Senza competizione l’umanità stessa non esisterebbe. Competere comporta non vivere di rendita ma spostare sempre più avanti l’asta del limite personale. Perché Abbiamo scelto la matematica? Perché La matematica è la regina delle scienze. Ogni disciplina scientifica o tecnica, dalla fisica all'ingegneria, dall'economia all'informatica, fa largo uso degli strumenti di analisi, di calcolo e di modellizzazione offerti dalla matematica. Essa rappresenta la materia su cui si basa ogni scienza e che risulta indispensabile per la comprensione di tutto ciò che ci circonda. Si dice che la matematica è spesso avversata dai giovani, che l’affrontano con distacco in quanto la considerano più ostica ed arida delle altre discipline: ma qui abbiamo avuto la dimostrazione, grazie a questi splendidi ragazzi, che non è così o più esattamente non è più così. Infatti l’adesione è stata di gran lunga superiore alle aspettative e coloro che non hanno aderito all'iniziativa erano impegnati in altre attività. Hanno partecipato 48 ragazzi, coinvolgendo 8 istituti, pubblici e privati del comprensorio del Kiwanis Club Giarre Riposto (il regolamento prevedeva 2 alunni per ogni classe quinta). I partecipanti hanno dimostrato quindi di avere un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Ed hanno accettato anche di confrontarsi partecipando ad una delle prime prove competitive della loro vita, se non forse proprio la prima. Si sono create quindi le premesse per le sfide future. Mi piace concludere questo mio breve intervento ricordando cosa pensava Galileo Galilei, padre della scienza moderna, della matematica: “La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l'universo), ma non si può intendere se prima non s'impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne' quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro labirinto....”

Nuccio Tomarchio

 

 

 


 

Articoli correlati