kiwanis

Statuto Diretivo PDF Stampa E-mail

KIWANIS INTERNATIONAL

DISTRETTO ITALIA - SAN MARINO

 

STATUTO DEL DISTRETTO

CONFORME ALLO STANDARD FORM PER LO STATUTO DEI DISTRETTI COSI’ COME EMENDATO FINO AL 6 GENNAIO 2006  E COMPRENSIVO DEGLI EMENDAMENTI VOTATI NELLA CONVENTION STRAORDINARIA DI COSENZA DEL 10 MARZO 2006 E  RATIFICATI DAL KIWANIS INTERNATIONAL IL 29 GIUGNO 2006.

 

ARTICOLO I - NOME E LIMITI TERRITORIALI

Sezione 1 - Il nome di questa organizzazione è: Kiwanis International Distretto Italia - San Marino, con sede in Roma.

Sezione 2 - I limiti territoriali del Distretto sono quelli della Repubblica Italiana che interclude la Repubblica di San Marino. Il nome del Distretto ed i confini territoriali non possono essere modificati senza la preventiva autorizzazione del Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.

 

ARTICOLO II - SCOPI

Sezione 1 - Gli scopi del Distretto sono i seguenti:

a) Realizzare nel Distretto attraverso i Club gli scopi del Kiwanis International secondo quanto stabilito dallo Statuto Internazionale.

 

b) Incrementare l'amicizia e la cooperazione dei Club del Distretto.

c) Collaborare con il Kiwanis International per la costituzione di nuovi Club ed il potenziamento associativo in quelli esistenti, la formazione dei soci dei Club ed il potenziamento dell'attività dei Club del Distretto.

d) Promuovere la partecipazione dei Club agli obiettivi generali, ai programmi e agli indirizzi di ordine generale del Distretto e del Kiwanis International.

ARTICOLO III - LE DIVISIONI

Sezione 1 - Il territorio di questo Distretto è suddiviso in Divisioni ed Aree territoriali.

 

Sezione 2 - I confini territoriali delle Divisioni e/o delle Aree territoriali sono quelli stabiliti di volta in volta dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 

ARTICOLO IV - SOCI

Sezione 1 - Ogni Club Kiwanis munito di Charter in questo Distretto è un membro di questo Distretto. I Club di lingua tedesca della Provincia Autonoma di Bolzano hanno facoltà di scegliere il Distretto al quale appartenere.

Sezione 2 - Ogni Club membro è considerato moroso (“not in good standing”) se in ritardo per oltre sessanta (60) giorni dalla scadenza prevista per i pagamenti dovuti al Kiwanis International o al Distretto.

Sezione 3 - Ogni Club membro che per due (2) anni consecutivi non abbia partecipato con almeno un (1) delegato alla Convention annuale del Distretto e che entro trenta (30) giorni - in seguito alla richiesta del Consiglio Direttivo del Distretto - non fornisca una giustificazione plausibile per tale mancanza, sarà considerato inadempiente (“not in good standing”).

Sezione 4 - I Club, per conservare i privilegi di appartenenza al Distretto, devono essere in regola (“in good standing”) secondo i criteri stabiliti di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.

 

ARTICOLO V – DIRIGENTI (Officers)

Sezione 1 -

a) I Dirigenti (Officer) del Distretto sono: Il Governatore, il Governatore Eletto, l'Immediato Past Governatore, il Segretario, il Tesoriere, il Luogotenente Governatore di ogni Divisione, e/o un Trustee per ogni Area territoriale del Distretto. *

* Nota-Dopo la elezione e prima di assumere la carica, gli Officer dovranno  essere indicati con il titolo della carica alla quale essi sono stati rispettivamente eletti seguita dal termine “designato”.

 

b) Le funzioni di Segretario e Tesoriere sono le uniche che possono essere raggruppate in una sola persona.

c) Se in qualsiasi anno l'Immediato Past Governatore cessa di essere un membro attivo, senior o privilegiato in un Club del Distretto, il membro attivo, senior o privilegiato che è stato l'ultimo Governatore prima dell'Immediato Past Governatore diviene automaticamente l'Immediato Past Governatore.

Sezione 2 - Tutti gli Officer del Distretto entrano in carica il 1° di ottobre di ciascun anno e continuano nella loro funzione per un (1) anno, o fino a quando i loro successori vengono regolarmente eletti e qualificati.

Sezione 3 - Ciascun Officer del Distretto deve essere un socio attivo, senior o privilegiato in regola (“in good standing”) di un Club del Distretto; ciascun Luogotenente Governatore deve essere un socio attivo, senior o privilegiato in regola in un Club della Divisione dalla quale è stato eletto.

 

Sezione 4 - Ciascun Officer di Distretto ha i seguenti doveri e responsabilità:

a) Promuovere gli scopi e le finalità del Kiwanis International; e

b) Promuovere gli interessi dei Club del Distretto.

Sezione 5 - Il Governatore ha i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) E' l'Officer principale dirigente del Distretto.

b) Sotto la direzione e supervisione del Consiglio di Amministrazione Internazionale promuove gli obiettivi del Kiwanis International e gli interessi dei Club del Distretto.

c) Presiede tutte le Convention e riunioni del Consiglio Direttivo del Distretto.

d) Partecipa alle Convention, alle Riunioni ed agli Incontri Consiliari del Kiwanis International.

e) E' membro di diritto di tutti i Comitati Speciali permanenti.

f) Svolge incarichi e responsabilità propri della sua carica o che possano essere modificati in futuro nella Costituzione, nello Statuto, nelle Policies e Procedures del Kiwanis International o nello Statuto del Distretto.

Sezione 6 - Il Governatore Eletto ha i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) Partecipare al training per Governatori Eletti.

b) E' responsabile del training degli Officer Designati del Distretto.

c) E' responsabile del training degli Officer e dei soci dei Club alla Convention del Distretto.

d) Svolge incarichi e responsabilità propri della sua carica o che possano essere modificati in futuro nella Costituzione, nello Statuto, nelle Policies e Procedures del Kiwanis International o nello Statuto del Distretto.

e) Svolge altri incarichi e responsabilità che gli vengono assegnate di volta in volta dal Consiglio Direttivo del Distretto.

Sezione 7 - L'Immediato Past Governatore svolge i compiti propri della sua carica o quelli che gli vengono assegnati dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 

Sezione 8 - Il Segretario del Distretto ha i seguenti ulteriori compiti e responsabilità:

a) Conserva tutti gli atti del Distretto.

b) Assiste il Governatore ed il Consiglio Direttivo del Distretto nello svolgimento degli affari del Distretto.

c) E' il dirigente in carica dell'Ufficio distrettuale e dei suoi Dipartimenti e, sotto la direzione e il controllo del Consiglio Direttivo del Distretto, sceglie e controlla il personale e gli impiegati.

d) Invia ai funzionari, ai Comitati e alle persone destinatarie le comunicazioni ricevute dal Kiwanis International e collabora con il Governatore nell'invio delle relazioni richieste dal Kiwanis International.

e) Partecipa e compila i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo del Distretto e delle Convention del Distretto.

f) Partecipa alle Convention del Kiwanis International, e se invitato, partecipa alle riunioni del Consiglio Internazionale.

g) Conserva i conti e i documenti finanziari ed è responsabile per i dovuti controlli di procedura interna, comprese le ricevute, i depositi e i pagamenti del Distretto ed i fondi di organizzazioni sponsorizzate secondo le direttive indicate e autorizzate dal Consiglio Direttivo del Distretto.

h) Rende in qualsiasi momento possibile l'ispezione da parte del Governatore, del Consiglio Direttivo del Distretto, o di qualsiasi Revisore autorizzato, i conti e gli atti finanziari, e i libri del Distretto e delle organizzazioni sponsorizzate.

i) Presenta una relazione alla Convention annuale del Distretto ed altre relazioni richieste dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

j) Esegue ogni altro compito proprio di questa funzione o che gli venga assegnato dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

k) Dà garanzia per la fedele attuazione dei compiti del suo ufficio, secondo l'ammontare e con le garanzie che sono richieste dal Consiglio Direttivo.

Sezione 9 - Il Tesoriere del Distretto ha i seguenti ulteriori compiti e responsabilità:

a) E' membro del Comitato Finanziario.

b) Verifica e consiglia regolarmente il Consiglio Direttivo del Distretto sulle condizioni finanziarie del Distretto e delle sue organizzazioni sponsorizzate.

c) Presenta una relazione alla Convention annuale.

d) Svolge quegli altri compiti propri di questa funzione o quelli che gli possono essere assegnati dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

e) Dà garanzia per la fedele attuazione dei compiti del suo ufficio, secondo l'ammontare e con le garanzie richieste dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 

 

Sezione 10 - I Luogotenenti Governatori hanno i seguenti ulteriori doveri e responsabilità:

a) Assistono il Governatore nel lavoro del Distretto.

b) Rappresentano il Governatore e, sotto la direzione del Governatore stesso, controllano il lavoro esecutivo del Distretto nelle loro rispettive Divisioni.

c) Eseguono tutti gli altri compiti propri di questa funzione o che possano essere assegnati dal Governatore o dal Consiglio Direttivo del Distretto.

 

ARTICOLO VI – CONSIGLIO DIRETTIVO

Sezione 1 - Il Consiglio Direttivo del Distretto è composto dal Governatore, dal Governatore Eletto, dall’Immediato Past Governatore, dal Segretario, dal Tesoriere e dai Luogotenenti Governatori per ogni Divisione e/o da un Trustee per ciascuna Area territoriale*.

Il Segretario del Distretto è membro del Consiglio Direttivo del Distretto, ma non ha diritto di voto.

 

Sezione 2 - La direzione ed il controllo degli affari del Distretto non altrimenti previsti in questo Statuto saranno di pertinenza del Consiglio Direttivo del Distretto soggetti alla supervisione ed al controllo del Consiglio di Amministrazione Internazionale.

Sezione 3 - Il Consiglio Direttivo del Distretto tiene almeno due (2) riunioni all'anno, una prima del 31 ottobre nel luogo e tempo stabilito dal Governatore, ed un'altra in concomitanza con la Convention distrettuale nel tempo e nel luogo stabilito dal Consiglio. Se la prima riunione viene fissata prima del 1° ottobre le decisioni prese diventeranno esecutive il 1° ottobre.

 

Sezione 4 - Una riunione straordinaria del Consiglio Direttivo del Distretto può essere convocata dal Governatore o su richiesta dei due terzi (2/3) dei membri dell'intero Consiglio.

Sezione 5 - Il Segretario del Distretto informa per iscritto ogni membro del Consiglio Direttivo del Distretto ed il Direttore Generale (Executive Director del K.I.) sull’ora, luogo e data di qualsiasi riunione con almeno quindici (15) di anticipo sulla data della riunione.

Sezione 6 - In assenza del Governatore (o del Governatore facente funzione) ad una riunione, il Consiglio Direttivo del Distretto designa uno dei suoi membri come Presidente (Chairman).

Sezione 7 - Metà (1/2) del numero totale dei Consiglieri del Direttivo distrettuale costituisce il quorum, ed il voto a maggioranza di quelli presenti decide su qualsiasi questione, con l'eccezione di quei casi in cui è richiesta specificatamente in questo Statuto una proporzione maggiore.

Sezione 8 - Entro trenta (30) giorni dalla riunione regolare o straordinaria del Consiglio Direttivo del Distretto, il Segretario distrettuale invia un rapporto scritto, approvato dal Governatore, in cui fornisce una sintesi delle delibere prese e trasmette la relazione al Direttore Generale (Executive Director del K.I.). Una copia della relazione viene inviata o al Segretario di ciascun Club munito di Charter del Distretto o pubblicata sul prossimo bollettino del Distretto.

 

ARTICOLO VII – COMITATI  E DIPARTIMENTI

Sezione 1 - La denominazione, la struttura ed i compiti dei Comitati permanenti del Distretto sono quelli definiti dal Consiglio di Amministrazione Internazionale e stabiliti nei relativi documenti del Kiwanis International.

Sezione 2 - Ogni Comitato permanente ed ogni Dipartimento deve sempre collaborare con il corrispondente Comitato e Dipartimento del Kiwanis International e promuovere i programmi proposti da tale Comitato o Dipartimento fra i Club del Distretto.

Sezione 3 - Comitati speciali possono essere costituiti dal Governatore, con l'approvazione da parte del Consiglio Direttivo del Distretto, per svolgere i compiti stabiliti all'atto della loro formazione.

Sezione 4 - Tutti i componenti dei Comitati sono soggetti a revoca da parte del Governatore.

 

ARTICOLO VIII - CONVENTION

Sezione 1 – La Convention annuale del Distretto deve essere convocata, nel luogo e in una data fra il 15 marzo ed il 15 settembre, come convenuto fra il Consiglio Direttivo del Distretto ed il Consiglio di Amministrazione Internazionale, unica eccezione quella che vieta di tenere tale Convention durante lo svolgimento della Convention del Kiwanis International, e nei trenta (30) giorni che la precedono o la seguono. Il luogo della Convention annuale è stabilito con due (2) anni di anticipo dalla Convention annuale su proposta del Consiglio Direttivo del Distretto.

 

Sezione 2 - L'invito da parte di un Club, munito di Charter, a tenere la Convention annuale nella propria città deve essere trasmesso per iscritto al Segretario del Distretto.

Sezione 3 - Convention straordinarie del Distretto possono essere convocate dal Governatore su richiesta della maggioranza dei Club muniti di Charter ed "in good standing", oppure su richiesta di tre quarti (3/4) dei membri del Consiglio Direttivo del Distretto.

Sezione 4 - Il Segretario del Distretto deve inviare la convocazione ufficiale a ciascun Club munito di Charter e al Direttore Generale (Executive Director del K.I.) almeno sessanta (60) giorni prima della data della Convention; nel caso di una Convention straordinaria almeno trenta (30) prima. Il Consiglio Direttivo del Distretto ha la piena supervisione e la direzione di tutte le Convention.

 

Sezione 5 - Per ogni Convention, il Governatore nomina una Commissione per la verifica dei poteri e una Commissione per le votazioni formata da almeno tre (3) soci. Tutti i membri della Commissione per le votazioni devono essere delegati o delegati di diritto.

Sezione 6 - Ogni Club munito di Charter e "in good standing" (in regola) ha il diritto di essere rappresentato in ogni Convention da tre (3) Delegati. Due (2) dei Delegati dovrebbero essere il Presidente ed il Presidente Designato. Per assicurare la propria rappresentanza, ogni Club munito di Charter può nominare fino a tre (3) Delegati supplenti.

Sezione 7 - Ai Delegati ufficiali di un Kiwanis Club di nuova formazione sono accordati tutti i diritti di partecipazione alle Convention dopo che la sua costituzione è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International, anche se la "Charter" non sia stata ancora ufficialmente consegnata.

Sezione 8 - I Delegati ed i loro supplenti devono essere soci attivi, senior o privilegiati "in good standing" dei Club muniti di Charter da loro rappresentati, e devono essere eletti non meno di trenta (30) giorni prima della data della Convention annuale oppure quindici (15) giorni prima di qualunque Convention straordinaria. La loro elezione deve essere certificata da un attestato debitamente autenticato dal Presidente e dal Segretario del Club da inviare al Segretario del Distretto. Se un Club munito di Charter non dovesse certificare l'elezione dei suoi Delegati o dei suoi supplenti, la Commissione per la verifica dei poteri ha il diritto di determinare l'ammissione dei Delegati o dei supplenti di tale Club.

Sezione 9 - Tutti gli Officer ed i Past Governatori del Distretto che sono soci attivi, senior o privilegiati di un Club Kiwanis del Distretto sono Delegati di diritto a tutte le Convention del Distretto.

Sezione 10 - Ogni Delegato effettivo ed ogni Delegato di diritto presenti, ha diritto di voto su ciascun argomento presentato in Convention. Non è permesso il voto per procura o la delega di un assente.  Per essere accreditato, un Delegato o Delegato di diritto deve essere convalidato secondo quanto stabilito in questo Statuto e deve aver pagato la quota di registrazione alla Convention nel caso che venga richiesta.

Sezione 11 - Il Consiglio Direttivo del Distretto può stabilire una cifra unica di iscrizione alla Convention per tutti i partecipanti ala Convention del Distretto. Il ricavato di detta registrazione deve essere utilizzato soltanto dietro approvazione del Consiglio Direttivo.

Sezione 12 – La Convention può proporre, discutere e adottare deliberazioni, nonché proporre e suggerire questioni che sono di interesse del Kiwanis International. La Convention prende anche in considerazione e delibera su argomenti presentati alla Convention dal Kiwanis International.

Sezione 13 - In assenza del Governatore o del Governatore facente funzione alla Convention del Distretto, il Consiglio Direttivo del Distretto nomina al loro posto il Governatore Eletto, l'Immediato Past Governatore od un Luogotenente Governatore alla funzione di Presidente della Convention.

Sezione 14 - Il quorum della Convention del Distretto comprende i Delegati ufficiali presenti, e deve rappresentare non meno di un terzo (1/3) del numero totale dei Club del Distretto.

Sezione 15 - Il Segretario del Distretto è tenuto a fare, entro trenta (30) giorni dalla Convention annuale, il verbale scritto, debitamente approvato dal Governatore, e redigere un sommario delle delibere da trasmettere al Direttore Generale (Executive Director del K.I.). Una copia di tale relazione viene inviata al Segretario di ciascun Club del Distretto oppure deve essere pubblicata sul prossimo bollettino del Distretto.

Sezione 16 - Nel caso in cui in un anno qualsiasi il Consiglio Direttivo del Distretto deliberi l'esistenza di una condizione eccezionale nel Distretto che determina la cancellazione della Convention annuale, il Consiglio dovrà stabilire le procedure necessarie per la trattazione e lo svolgimento degli affari come di norma vengono svolti in una Convention. Di preferenza si può indire la riunione del Consiglio da tenersi nel periodo previsto per le Convention del Distretto. Il Consiglio sarà composto dagli Officer e da altre persone che abbiano lo status di Delegati di diritto a tutte le Convention Distrettuali.

 

ARTICOLO IX - PROCEDURE DELLE CONVENTION

Sezione 1 - Il programma ufficiale della Convention approvato dal Consiglio Direttivo del Distretto costituisce l'ordine del giorno per tutte le sessioni. Cambiamenti nel programma possono essere fatti di volta in volta con il voto maggioritario dei Delegati e dei Delegati di diritto presenti e votanti.

Sezione 2 -

a) Le delibere proposte possono essere presentate da un voto maggioritario del Consiglio Direttivo di un Club al Segretario del Distretto con non meno di sessanta (60) giorni prima della data della Convention distrettuale. Le delibere proposte possono essere presentate anche dal Consiglio Direttivo del Distretto o avere origine dal Comitato delle delibere.

b) Tutte le delibere proposte vengono trasmesse al Comitato per le delibere per la presa in considerazione e segnalazione alla Convention. Nessuna delibera, tranne quelle trasmesse in tal modo o che siano del Comitato per le delibere, saranno prese in considerazione a meno che la presa in considerazione non venga raccomandata da due terzi (2/3) dei voti del Consiglio Direttivo del Distretto. La discussione su tali delibere non sarà messa all'ordine del giorno fino a quando non saranno trasmesse dal Comitato delle delibere o dal Consiglio Direttivo.

Sezione 3 - Le relazioni dei Comitato, le comunicazioni alla Convention internazionale, le delibere, gli emendamenti e tutte le mozioni possono essere ammesse al dibattito durante l’Assemblea,   tranne quelle che non ammesse al dibattito” in base al Robert’s Rules of Order.Newly Revised, a meno che la Convention con due terzi (2/3) dei voti escluda il dibattito. Nessun Kiwaniano potrà parlare più di cinque (5)  minuti per volta, tranne se previsto nell’ordine del giorno o con il voto di maggioranza. I componenti del Comitato delle Delibere hanno il privilegio di poter parlare mentre le delibere vengono prese in considerazione dal corpo dei Delegati, ma nessun componente del Comitato delle Delibere ha diritto di voto sulle delibere, a meno che tale componente non sia un Delegato accreditato. 

 

ARTICOLO X - CANDIDATURA ED ELEZIONE DEI DIRIGENTI (OFFICER)

Sezione 1 - Dirigenti ad eccezione dei Luogotenenti Governatori

a) L'elezione dei dirigenti tranne i Luogotenenti Governatori viene tenuta nella Convention annuale.

b) Il Segretario del Distretto è nominato dal Governatore designato con l'approvazione del Consiglio Direttivo designato del Distretto.

c) Il programma ufficiale della Convention annuale deve indicare l'ora e il luogo dell'elezione dei Dirigenti.

d) La candidatura e le procedure per l'elezione dei dirigenti da eleggere alla Convention annuale sono le seguenti:

     1) Il Governatore Eletto sarà il solo candidato per la carica di Governatore. Possono essere candidati alla carica di Governatore Eletto tutti i soci “in good standing” di un Club “in good standing” del Distretto che abbiano già ricoperto la carica di Luogotenente Governatore.

     2) Tutti i candidati alla carica di Governatore, di Governatore Eletto e di Tesoriere devono inviare per iscritto la candidatura al Segretario del Distretto non più tardi dell'inizio della prima sessione di lavoro della Convention Annuale. In quella sessione, il Segretario farà una relazione sui candidati dando tale comunicazione. Tutti i candidati alla carica di Governatore Eletto dovranno presentare al Kiwanis International un  documento firmato impegnandosi a svolgere i propri doveri.

     3) Si richiede la maggioranza di tutti i voti validi per ciascuna carica per l'elezione del Governatore e del Governatore Eletto e del Tesoriere. Nel caso in cui la votazione per il Governatore o per il Governatore Eletto o per il Tesoriere non dovesse fornire la maggioranza per un candidato, il Governatore deve stabilire l'ora e il luogo per una ulteriore votazione. Prima della seconda votazione il candidato che ha ottenuto il voto più basso al primo scrutinio verrà escluso; nelle votazioni successive verrà seguita la stessa procedura fino a quando un candidato avrà ricevuto la maggioranza dei voti validi.

e) Il voto si farà per schede solo quando vi sono due (2) o più candidati per la stessa carica. Soltanto i Delegati accreditati o i Delegati di diritto saranno ammessi al voto. Non è ammesso il voto per delega o il voto degli assenti.

f) Questo articolo non limita il diritto di avanzare ulteriori candidature nel corso della Convention.

g) Non è permesso il voto cumulativo.

h) Non è ammessa l’elezione per acclamazione.

 

 

Sezione 2 – Comitato per le elezioni

a) Prima delle elezioni il Segretario del Distretto deve mettere a disposizione del Comitato per le elezioni una lista dei Delegati e dei Delegati di diritto come risulta dalla relazione della Commissione verifica poteri.

b) Il Comitato per le elezioni ha l'incarico generale delle elezioni e della distribuzione e della conta dei voti.

c) Il Comitato per le elezioni deve riferire prontamente alla Convention i risultati della votazione e la relazione deve essere firmata dalla maggioranza del Comitato.

Sezione 3 – Elezione del Luogotenente Governatore e del Luogotenente Governatore Eletto

a) Il Luogotenente Governatore di ciascuna Divisione tiene, non oltre la seconda settimana di aprile, una riunione allo scopo di eleggere un Luogotenente Governatore e un Luogotenente Governatore Eletto. Il luogo e la data della riunione viene stabilita dal Luogotenente Governatore. La comunicazione scritta viene inviata non oltre dieci (10) giorni prima della riunione, ai Presidenti di ciascun Club della Divisione, e a tutti i Past Governatori e Past Luogotenenti Governatori della Divisione che risultano soci attivi, anziani o privilegiati di un Club della Divisione.

b) I componenti della riunione sono il Presidente e l'Immediato Past Presidente di ciascun Club della Divisione oppure i loro supplenti regolarmente eletti, il Luogotenente Governatore della Divisione, e tutti i Past Governatori e Past Luogotenenti Governatori di quella Divisione che risultano ancora soci attivi, anziani o privilegiati di un Club della Divisione.

c) I rappresentanti dei Club presenti, che rappresentino non meno di due terzi (2/3) dei Club della Divisione, costituiscono il quorum della riunione, e ciascun Club avrà un voto per ciascun rappresentante presente. Il Luogotenente Governatore e i Past Governatori ed i Past Luogotenenti Governatori presenti alla riunione hanno il diritto di rappresentanza senza diritto di voto, tranne nel caso di un voto di parità, nel qual caso il Luogotenente Governatore avrà diritto al voto.

d) L'Immediato Past Luogotenente Governatore è il Presidente della riunione o, in caso di sua assenza, il suo immediato predecessore e così di seguito. In assenza di un Past Luogotenente Governatore la riunione elegge uno dei suoi componenti quale Presidente. I componenti della riunione eleggono fra di loro un Segretario, e tanti scrutatori quanti ne servono.

e) Una volta completata l'organizzazione come sopra stabilito, la riunione procede alla elezione di un Luogotenente Governatore e di un Luogotenente Governatore Eletto. Il Luogotenente Governatore Eletto sarà l'unico candidato alla carica di Luogotenente Governatore. Tuttavia non sono precluse candidature aggiuntive da parte dei presenti. Per ogni elezione viene richiesta la maggioranza dei voti per ciascuna carica. Nel caso in cui nessun candidato ottiene la maggioranza dei voti validi, deve aver luogo immediatamente una nuova elezione, e la persona che riceve il numero minore di voti verrà eliminata. Questa procedura viene seguita fino a quando un (1) candidato riceva la maggioranza dei voti. Nessun può essere presentato alla riunione quale candidato per Luogotenente Governatore o per Luogotenente Governatore Eletto senza che si abbia il suo preventivo consenso. Ciascun candidato alla carica di Luogotenente Governatore deve assicurare la sua ferma volontà e capacità di assumere le responsabilità e svolgere i doveri connessi con la carica di Luogotenente Governatore, di partecipare alle riunioni di training, e di visitare in forma ufficiale i Club della Divisione. Possono essere candidati alla carica di Luogotenente Governatore Eletto tutti i soci “in good standing” di un Club “in good standing” che abbiano già ricoperto la carica di Presidente di Club.

f) Il Luogotenente Governatore Eletto non è un Officer del Distretto.

g) Le riunioni delle Divisioni devono essere improntate ai principi, alle tradizioni ed alle consuetudini del Kiwanis International nell'elezione dei suoi Dirigenti, e considerare in modo particolare l'abilità, l'attività e l'esperienza nel Kiwanis del candidato proposto.

h) Il Luogotenente Governatore deve certificare i risultati dell'elezione al Segretario del Distretto e al Kiwanis International subito dopo la riunione.

 

ARTICOLO XI - VACANZA NELLE CARICHE

Sezione 1 - Nel caso si verifichi una vacanza nella carica di Governatore durante l'anno amministrativo, il Consiglio, con il voto dei due terzi (2/3) dell'intero Consiglio Direttivo del Distretto, elegge un Past Governatore, o un Luogotenente Governatore o un Past Luogotenente Governatore, che sia un socio attivo anziano o privilegiato di un Club del Distretto, alla carica di Governatore per il termine rimanente di detta carica.

Sezione 2 - Nel caso di una vacanza nella carica di Governatore Eletto durante l'anno amministrativo, il Consiglio Direttivo del Distretto provvederà alla sua sostituzione fra i Luogotenenti Governatori e i Past Luogotenenti Governatori che siano soci attivi, anziani o privilegiati di un Club del Distretto con il voto di due terzi (2/3) dell'intero Consiglio Distrettuale.

Sezione 3 - Nel caso di una vacanza nella carica di Segretario o di Tesoriere durante un anno amministrativo, il Governatore nominerà a tale carica un socio qualificato di un Club del Distretto munito di Charter per il periodo rimanente dell'anno sociale. Tale nomina è soggetta all'approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto alla prima riunione.

Sezione 4 - Nel caso di una vacanza nella carica di Luogotenente Governatore durante un anno amministrativo, il Governatore deve informare i Presidenti della Divisione interessata che la sostituzione del Luogotenente Governatore può essere fatta mediante una riunione della Divisione entro trenta (30) giorni dalla data di tale vacanza. Nel caso in cui non venisse rimpiazzato con una elezione nel corso di una riunione della Divisione, il Governatore può nominare un socio qualificato di un Club munito di Charter della stessa Divisione per occupare la carica per il periodo rimanente dell'anno sociale. Tale nomina è soggetta all'approvazione del Consiglio Direttivo del Distretto nella prima riunione successiva.

Sezione 5 - Nel caso in cui un Officer del Distretto dopo la sua elezione e prima del 1° ottobre sia impossibilitato a ricoprire la carica per l'anno per il quale era stato eletto, il Consiglio Direttivo designato del Distretto per tale anno sociale procederà senza indugio a nominare o eleggere il successore nei modi previsti nei casi di vacanza delle cariche durante l'anno amministrativo. Il Governatore designato informa dell'ora e del luogo di tale elezione e, in caso di assenza o impossibilità, vi provvederà il Governatore del Distretto.

Sezione 6 - Nel caso in cui il Governatore non possa o sia temporaneamente incapace di svolgere i compiti del suo incarico, il Consiglio Direttivo del Distretto elegge con i due terzi (2/3) dei voti dell'intero Consiglio Distrettuale, un Past Governatore, un Luogotenente Governatore o un Past Luogotenente Governatore che sia socio attivo, anziano o privilegiato di un Club Kiwanis del Distretto per agire come Governatore Facente Funzione fino a quando il Governatore sia in grado di riprendere i suoi doveri d'ufficio. Durante l'assenza del Governatore, il Governatore Facente Funzione diventa l’Officer principale dirigente del Distretto e ha tutti i doveri, responsabilità e autorità conferite al Governatore da questo Statuto e dalla Costituzione e dallo Statuto del Kiwanis International. Se, dopo un periodo di sessanta (60) giorni, risulta al Consiglio che il Governatore continua ad essere impedito a svolgere la sua carica e non è in grado di riprendere i doveri e le responsabilità del suo incarico, il Consiglio può dichiarare vacante la carica del Governatore che verrà ricoperta secondo le norme previste per la vacanza di tale carica come stabilito da questo Statuto.

 

ARTICOLO XII - DESTITUZIONE DI DIRIGENTI (OFFICER)

Sezione 1 - Qualora il Governatore o una maggioranza del Consiglio Direttivo del Distretto dovesse notare che un Officer non si comporti secondo l'etica kiwaniana o che non svolga i doveri della sua carica, il Consiglio del Distretto dovrà informarlo di tale circostanza per iscritto entro trenta (30) giorni.

Una riunione straordinaria del Consiglio si dovrà tenere entro trentacinque (35) giorni successivi con un preavviso scritto a tutti i membri del Consiglio di almeno ventuno (21) giorni per prendere in esame questa circostanza. La comunicazione di tale notizia si considererà validamente avvenuta dopo cinque (5) giorni dalla spedizione di tale comunicazione. Nel caso in cui il Consiglio con i due terzi (2/3) dei voti dell'intero Consiglio rilevi che l’Officer non si sia comportato secondo l'etica kiwaniana o che non svolga i doveri della sua carica, dichiara tale carica vacante e un nuovo Officer sarà eletto o nominato a tale carica secondo quanto stabilito da questo Statuto.

 

ARTICOLO XIII - ATTIVITÀ DI PUBBLICO INTERESSE

Sezione 1 - Il Distretto, di volta in volta, può esprimere con i propri mezzi la sua posizione su questioni di pubblico interesse e su proposte di legge che riguardano la comunità del territorio del Distretto, purché alle stesse iniziative non venga interessato un Club Kiwanis non facente parte del Distretto.

Sezione 2 - Nel caso in cui dei Club Kiwanis non facenti parte del Distretto siano coinvolti da iniziative pubbliche, evidenziate alla sezione 1, prima di esprimere un'opinione il Distretto dovrà riferire il caso, con le proprie raccomandazioni, al Consiglio di Amministrazione Internazionale. Una volta ricevuta l'approvazione da parte del Consiglio Internazionale, il Distretto può esprimere la sua opinione pubblicamente attraverso legali ed appropriati mezzi.

Sezione 3 - Il Distretto non può essere coinvolto in nessun modo in questioni politiche, né può partecipare attivamente nell'appoggiare candidature politiche.

 

ARTICOLO XIV – ENTRATE

Sezione 1 - Ciascun Club deve pagare al Distretto per ciascuno dei suoi soci con l'eccezione dei soci onorari, la somma di Euro 60  per anno per le quote sociali oltre alle quote sociali annuali dovute al Kiwanis International e agli importi di abbonamento annuale alla rivista internazionale “KIWANIS” nonché alle quote sociali dovute annualmente alla Federazione Europea.  Il totale deve essere inviato annualmente, non oltre sessanta (60) giorni. e si basa sul numero dei soci dei rispettivi Club come risulta dal rapporto annuale al Kiwanis International. alla data del 30 settembre. Il totale include tutti i costi del Distretto tranne quelli che si riferiscono ai nuovi soci e alla tassa di iscrizione alle Convention e riunioni e del Distretto.  

 

Sezione 2 - Le quote di iscrizione dei nuovi soci, come stabilito dall'Assemblea dei Delegati, vengono pagate al Distretto nell'ammontare determinato dal Consiglio Direttivo del Distretto.

Sezione 3 -   Anche le quote per l'iscrizione ai convegni e alle riunioni del Distretto, fissate dal Consiglio Direttivo del Distretto, devono essere pagate al Distretto.

Sezione 4 - Le quote che devono essere pagate al Distretto da un nuovo Club durante l'anno fiscale saranno ripartite in proporzione alla porzione dell'anno fiscale in cui il Club è stato istituito.

 

Sezione 5 - Nessun altro obbligo finanziario tranne quelli previsti in questo articolo saranno imposte ai Club del Distretto, tranne – previa approvazione del Consiglio di Amministrazione Internazionale – che:

a) con il voto di due terzi (2/3) dei Delegati ad una Convention annuale;

b) con il voto di due terzi (2/3) in un referendum sottoposto a tutti i Club del Distretto.

 

 

ARTICOLO XV - FINANZA

Sezione 1 - L'anno amministrativo del Distretto inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Sezione 2 - Il Consiglio Direttivo del Distretto approva, non oltre il 15 ottobre, il bilancio preventivo delle entrate e delle spese comprese le spese in conto capitale per l'anno.

Sezione 3 - I libri contabili  e la relativa documentazione devono essere controllati almeno trimestralmente dai Revisori, i quali riferiscono entro quindici (15) giorni i risultati delle verifiche compiute al Governatore ed al Consiglio Direttivo.

Sezione 4 - La relazione finale potrà essere certificata da professionista esterno non socio di alcun Club, qualora il Consiglio Direttivo del Distretto lo stabilisca. Lo stesso Direttivo provvederà, in tal caso, alla scelta del professionista esterno.

Sezione 5 - Il Consiglio Direttivo del Distretto stabilisce gli istituti di credito incaricati o i depositari ufficiali e nomina le persone che possono firmare gli assegni.

Sezione 6 - Le spese necessarie per i viaggi di tutti gli Officer del Distretto per l'espletamento degli affari del Distretto possono essere pagate dal Distretto secondo quanto iscritto nel bilancio preventivo. 

Sezione 7 - Le spese necessarie del Governatore per la partecipazione alla Convention, al Consiglio e alle riunioni del Kiwanis International possono essere pagate dal Distretto.

 

ARTICOLO XVI - OBBLIGHI E NORME NAZIONALI

Sezione 1 – Il Kiwanis International Distretto Italia - San Marino non ha fini di lucro e non ripartisce neanche in via indiretta utili o avanzi di gestione nonché fondi tra i soci. Le norme del presente Statuto non potranno essere in contrasto con le leggi rispettivamente vigenti nella Repubblica Italiana e nella Repubblica di San Marino.

Sezione  2     -  Il Governatore del Distretto  è il legale rappresentante del Distretto.

Sezione 3 – Il Distretto, conformandosi operativamente al motto del Kiwanis International “Serving the Children of the World” (al servizio dei bambini del mondo), fa propri i contenuti della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia approvata dalla Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia con Legge 27 maggio 1991 n.176, e persegue finalità di solidarietà sociale dirette prevalentemente ai bambini del mondo attraverso attività di assistenza sociale, beneficenza, istruzione, formazione, tutela e valorizzazione dell’ambiente e promozione della cultura e dell’arte.

ARTICOLO XVII - ALTRE NORME

Sezione 1 - Per tutte le questioni non specificatamente previste in questo Statuto, per la trattazione delle stesse, si dovranno consultare in ordine di priorità i seguenti documenti, attuali o come verranno emendati in futuro:

Primo - Costituzione e Statuto del Kiwanis International

Secondo - Policies and Procedures del Kiwanis International

ARTICOLO XVIII – NORME DI CONSULTAZIONE

Sezione 1 - Per tutte le questioni importanti o di procedura che non sono specificatamente previste in questo Statuto il testo consultivo è: “Robert's Rules of Order Newly Revised”.

 

ARTICOLO XIX - MODIFICHE

Sezione 1 - Il presente Statuto può essere modificato solo se in conformità con la Costituzione e lo Statuto del Kiwanis International con il voto di due terzi (2/3) dei Delegati e dei Delegati di Diritto che votano in una Convention. Le modifiche proposte, che possono essere presentate soltanto dai Club “in good standing” o dal Consiglio Direttivo del Distretto devono pervenire al Segretario del Distretto almeno sessanta (60) giorni prima della data della Convention. Il Segretario invia una copia delle proposte ai Segretari di ciascun Club muniti di Charter non meno di trenta (30) giorni prima della data della Convention.

Sezione 2 - Se questo Statuto entra in conflitto con la Costituzione e lo Statuto del Kiwanis International, attuali o modificati successivamente, il Distretto dovrà modificare lo Statuto in conformità con la Costituzione e lo Statuto del Kiwanis International.

 

ARTICOLO XX – INVALIDITÀ

Sezione 1 - Nel caso in cui qualsiasi disposizione di questo Statuto venga ritenuta non valida, tutte le altre disposizioni rimarranno in vigore.

 

ARTICOLO XXI - APPROVAZIONE DEL KIWANIS INTERNATIONAL

Sezione 1 - Questo Statuto e tutte le modifiche o aggiunte, compresa la suddivisione delle Divisioni, la suddivisione o il raggruppamento di Club non sarà ritenuta effettiva senza l'approvazione del Consiglio di Amministrazione Internazionale.