kiwanis

GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI DELL’INFANZIA – K. C. CATANIA EST E CATANIA ETNA PDF Stampa E-mail

Oggi i club Kiwanis Catania Est e Catania Etna hanno celebrato la giornata mondiale dell’infanzia, fissata come ricorrenza mondiale il 20 novembre.

La feste dell’infanzia è tradizionalmente molto sentita da tutti i club service kiwaniani che hanno, ormai da oltre vent’anni, come obiettivo principale il benessere di tutti i ”cildren” del mondo; ed è per questo che i due club, per l’occasione, si sono riuniti presso l’istituto comprensivo “Coppola” sito in via Delle Medaglie d’Oro a Catania, ove presidenti e relatori hanno dibattuto e divulgato alla presenza dei bambini di 4^ e 5^ elementare unitamente ai ragazzi di 1^ e 2^ media il tema dei “diritti dei bambini alla luce della convenzione dei diritti dell’infanzia”.

Ha introdotto l’argomento il rag. Francesco Papa, presidente del Catania Etna che ha ricordato come ancora oggi ci sia la grande piaga dello sfruttamento del lavoro minorile, presente purtroppo in tanti paesi sottosviluppati. La presidente del Catania Est, rag. Alfina Bonaventura, ha invitato i ragazzi presenti a tralasciare le cose futili e a riflettere sul “sentimento dell’amore” sottolineando come lo stesso sia il perno che fa girare la vita umana e quella dell’universo intero poiché è solo tramite “l’amore” che si possono realizzare bambini felici e uomini del domani.

Successivamente è intervenuto il prof. Vincenzo Lorefice rappresentante dell’Unicef, accanto al quale tutti i club service kiwanis stanno promuovendo a livello mondiale il progetto “The Eliminate” – eliminazione del tetano materno-infantile, il quale ha posto l’accento su come a distanza di ben ventidue anni dalla nascita della “Convenzioni dei diritti del bambino” ancora oggi ci troviamo a lottare con quattro priorità assolute per la salvaguardia dei bambini del mondo, ovvero: impedire che nel mondo muoiano 22.000 bambini al giorno per cause prevenibili come il morbillo, l’acqua non potabile, la malnutrizione e il tetano.

L’avv. Giuseppe Spampinato, past governatore del distretto, Italia ha reso noto ai ragazzi come già gli antichi romani erano sensibili ai temi della crescita, dell’alimentazione, della salute e della prevenzione dei diritti dei bambini per i quali: “maxima debeatur puero reverentia”.

E’ intervenuta, quindi, la prof.ssa Maria Pina Crifò, che ha spiegato la nascita e lo scopo che si prefigge “La

convenzione dei diritti dell’infanzia”, captando il massimo ascolto dei bambini presenti soffermandosi sull’art. 31 della conv. che sancisce “il diritto al gioco” continuando ad interloquire con gli stessi su tanti altri diritti che seppur fondamentali, come il diritto al nome, all’istruzione, alla nazionalità, ad avere una famiglia, alla personalità, ecc.. hanno avuto bisogno di essere sanciti dalla convenzione internazionale sottoscritta da tutti gli stati membri nel 1989.

Sono poi intervenuti i bambini della 4^ e5^ elementare che, abilmente guidati dalle insegnanti, hanno dato ciascuno il loro contributo con una propria riflessione sui singoli articoli della convenzione, e i ragazzi delle scuole medie che hanno esposto profonde riflessioni e validi spunti sulle tematiche delle armi giocattolo e i bambini soldato, sul rapimento delle ragazze per essere date in mogli ai soldati, sul lavoro minorile e il suo sfruttamento. Un saluto e un ringraziamento ai ragazzi e agli insegnanti è stato dato dalla direttrice dell’istituto, prof.ssa Mariangiola Garraffo che si è complimentata anche con gli organizzatori e relatori del convegno, che è stato chiuso dal Lgt. dott. Roberto Suma che ha voluto fare attenzionare ai ragazzi che come nella fisica “ad ogni azione corrisponde una reazione”, così nella vita “ ad ogni diritto corrisponde un dovere” poiché non può esistere una società senza regole e rispetto per i diritti altrui.

Carmela Castelli

Past Presidente K. C. Catania Est