/Comportamenti sociali degli squali tigre

Comportamenti sociali degli squali tigre

Comportamenti sociali degli squali tigre

Gli squali tigre (Tiger Sharks), spesso considerati una specifica specie nomade, sono creature sociali, avendo preferenze l’uno per l’altro.

Un primo del suo genere, lo studio degli scienziati dell’University of Miami Rosenstiel School of Marine and Atmospheric Science (UM) e della Zoological Society of London (ZSL) ha anche valutato se l’esposizione dello squalo tigre al turismo di immersione ha in qualche modo inciso sul loro comportamento sociale. Lo studio è stato condotto in un sito di nome Tiger Beach, situato fuori dal lato nord-ovest di Little Bahama Bank nelle Bahamas. L’area è conosciuta per ospitare incontri tra subacqueo e squali, dove gli squali sono attratti da esche e spesso alimentati davanti ai turisti di immersione.

Il team di ricerca ha taggato e rintracciato i movimenti degli squali tigre nel corso di tre anni. Hanno quindi applicato lo strumento Social Network Analysis per estrapolare i dati di tracciamento con lo scopo di esaminare se gli squali tigre hanno mostrato un comportamento sociale di gruppo e se questo comportamento sociale differiva in luoghi in cui gli squali erano esposti al turismo subacqueo.

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Marine Science (1), non ha riscontrato solo che gli squali tigre hanno formato gruppi sociali, ma ha anche scoperto che nei siti in cui gli squali tigre venivano nutriti da operatori del turismo di immersione, questi squali sono diventati più aggregati, ma le interazioni tra gli squali sono diventate più casuali, suggerendo una rottura dell’organizzazione sociale.

Il dottor Neil Hammerschlag, (2) autore senior dello studio e ricerca, professore associato presso l’University of Miami Rosenstiel School of Marine & Atmospheric Science, dice che «Dato che gli squali tigre trascorrono mesi a vagare nell’oceano aperto come predatori solitari, è incredibile per me che mostrino tra di loro preferenze sociali quando sono alla Tiger Beach Area. Per quasi due decenni, ho passato innumerevoli ore di immersioni nella Tiger Beach Area chiedendomi sempre se questi predatori interagivano socialmente tra di loro. Ora lo sappiamo».

Le immersioni degli squali sono spesso condotte dalle aziende del turismo di immersione per attirare gli animali in modo che i turisti possano osservarli. Questo approccio è noto per causare sentimenti misti tra i conservatori e gli esperti di squali, a causa dei possibili impatti a lungo termine sui predatori, come le modifiche al loro comportamento naturale del foraggiamento. Questo studio ha rilevato che gli squali tigre erano aggregati nei siti di immersione, ma le preferenze sociali tra gli squali erano meno prevalenti rispetto alle aree al di fuori di questi siti di immersione. Questi risultati suggeriscono che l’alimentazione degli squali può interrompere la loro organizzazione sociale, ma solo temporaneamente, poiché lo studio ha rilevato che gli squali tigre hanno ripreso i loro gruppi sociali al di fuori dei siti di immersione.

«Il confine tra la fauna selvatica e la gente sta diventando sempre più sottile, così come osservare un nuovo comportamento sociale per la prima volta in quello che una volta è stato pensato come uno squalo solitario, abbiamo anche misurato gli impatti dell’attività umana sulle interazioni di questi predatori. Sembrano mostrare qualche resilienza all’alimentazione da esca», ha detto il dottor David Jacoby, (3) ricercatore onorario presso la Zoological Society of London (ZSL) e autore dello studio.

Il comportamento sociale dei predatori è un’importante area di studio in quanto fornisce un altro strumento per aiutare gli scienziati e i manager della fauna selvatica a costruire un’immagine di come vivono, ciò che li guida per formare gruppi sociali e i ruoli che giocano all’interno dell’ecosistema più ampio.

Gli autori dello studio “Social network analysis reveals the subtle impacts of tourist provisioning on the social behaviour of a generalist marine apex predator”, pubblicato dalla rivista Frontiers in Marine Science sono: David M. Jacoby, Istituto di Zoologia, Società Zoologica di Londra, Regno Unito, Bethany S. Fairbairn, University College of London, Regno Unito, Bryan Frazier, Risorse marine Istituto di ricerca, Dipartimento della Carolina del Sud delle risorse naturali, Austin J. Gallagher, sotto le onde, Michael R. Heithaus, Istituto di Ambiente, Dipartimento di Scienze Biologiche, Università Internazionale della Florida, Steven J. Cooke, Ecologia del pesce e di conservazione Laboratorio di fisiologia, Carleton Università, Canada e Neil Hammerschlag, Università di Miami Rosenstiel School of Marine and Atmospheric Science e Leonard e Jayne Abess Center per la scienza e la politica dell’ecosistema, Università di Miami.

Sulla scuola di Rosenstiel della University of Miami

L’Università di Miami è uno dei più grandi istituti di ricerca privati negli Stati Uniti sud-orientali. La missione dell’università è quella di fornire istruzione di qualità, attrarre e mantenere studenti eccezionali, sostenere la facoltà e la loro ricerca e costruire una dotazione per le iniziative universitarie. Fondata negli anni ’40, la Scuola di Rosenstiel School of Marine & Atmospheric è cresciuta in uno dei principali istituti di ricerca turistica e atmosferica del mondo. Dotato di accademici interdisciplinari dinamici, la Scuola di Rosenstiel è dedicata ad aiutare le comunità a comprendere meglio il pianeta, partecipando all’istituzione di politiche ambientali e aiutando nel miglioramento della società e della qualità della vita. (4)

Riferimenti:

(1) Social Network Analysis Reveals the Subtle Impacts of Tourist Provisioning on the Social Behavior of a Generalist Marine Apex Predator

(2) Neil Hammerschlag

(3) David Jacoby

(4) University of Miami’s Rosenstiel School

Descrizione foto: Le immersioni degli squali sono spesso condotte dalle aziende del turismo di immersione per attirare gli animali in modo che i turisti possano osservarli. Questo approccio è noto per causare sentimenti misti tra i conservatori e gli esperti di squali, a causa dei possibili impatti a lungo termine sui predatori, come le modifiche al loro comportamento naturale del foraggiamento. Questo studio ha rilevato che gli squali tigre sono aggregati nei siti di immersione, ma le preferenze sociali tra gli squali erano meno prevalenti rispetto alle aree al di fuori di questi siti di immersione. Questi risultati suggeriscono che l’alimentazione degli squali può interrompere la loro organizzazione sociale, ma solo temporaneamente, poiché lo studio ha rilevato che gli squali Tiger hanno ripreso i loro gruppi sociali al di fuori dei siti di immersione. – Credit: Neil Hammerschlag, Ph.D. University of Miami Rosenstiel School of Marine and Atmospheric Science.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Study shows tiger sharks have social preferences for one another

Source