/Rivelata la biofluorescenza dei Geomidi

Rivelata la biofluorescenza dei Geomidi

Rivelata la biofluorescenza dei Geomidi

La biofluorescenza dei mammiferi è considerata rara, ma è stata documentata nei Geomidi che si illuminano quando vengono irradiati con luce ultravioletta.

Si può imparare molto dagli animali semplicemente guardandoli. Ma alcuni segreti possono essere rivelati solo nel buio con una torcia ultravioletta.

Questo è il caso dei Geomidi (Geomys pinetis – Southeastern pocket gopher), piccoli roditori sotterranei, originari del Continente americano, che vivono in terreno sabbioso. Secondo un nuovo documento, pubblicato su American Midland Naturalist (1), ricercatori dell’University of Georgia hanno scoperto che questi animali rotondi hanno una particolare abilità che è rivelata solo sotto la luce ultravioletta: sono biofluorescenti, emettono un bagliore colorato quando sono illuminati con luce UV.

Questa è la prima volta che la biofluorescenza è stata documentata nei Geomidi (Pocket Gophers). Il dottor J.T. Pynne (2), laureato presso la UGA Warnell School of Forestry and Natural Resources e principale autore dello studio, ha dichiarato di essersi ispirato a studi simili che documentano il medesimo fenomeno negli scoiattoli e gli opossum volanti.

«Un gruppo di persone, me stesso incluso, eravamo incuriositi nei confronti di altri animali», ha detto il dottor Pynne, che è un biologo della fauna selvatica delle terre private con la Georgia Wildlife Federation.

Il dottor Pynne ha anche documentato la biofluorescenza nei Geomidi in natura, che emettono un bagliore arancione più intenso. Egli ha anche collaudato esemplari di altre specie di Geomidi (Pocket Gophers) archiviati al Georgia Museum of Natural History. Tutti gli animali testati hanno emesso la biofluorescenza.

Mentre la ragione per cui la capacità dei Geomidi e altri animali di illuminarsi sotto la luce ultravioletta è ancora da accertare scientificamente, il dottor J.T. Pynne ha detto che il fenomeno può considerarsi unico per certi animali. Con le torce UV questi esemplari sono facilmente localizzabili visto che chiunque può evidenziare un opossum nel suo cortile, ad esempio, o guardare come gli diversi insetti si illuminano di notte.

«Abbiamo saputo per molto tempo degli artropodi fluorescenti. Ogni volta che prendo uno scorpione o un ragno o un millepiedi essi assumono un colore blu brillante», ha detto il dottor J.T. Pynne, sempre dotato di una torcia ultravioletta nel suo zaino ogni volta che sta esplorando nuovi posti.

Riferimenti:

(1) Ultraviolet Biofluorescence in Pocket Gophers

(2) J.T. Pynne

Descrizione foto: Un geomide illuminato con luce ultravioletta. – Credit: University of Georgia.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Study reveals gophers’ biofluorescence

Source