/Parassiti dei cani più resistenti ai trattamenti

Parassiti dei cani più resistenti ai trattamenti

Parassiti dei cani più resistenti ai trattamenti

I parassiti Hookworms, che colpiscono i cani, si sono evoluti per eludere tutti i prodotti farmacologici approvati dalla FDA e impiegati dai veterinari.

Sono uno dei parassiti più comuni che affliggono il miglior amico dell’uomo. Usano le loro bocche simili a un gancio sugli intestini di un animale, dove si nutrono dei fluidi dei tessuti e del sangue. Gli animali infetti possono sperimentare una consistente perdita di peso, sanguinamenti, anemia e letargia (sonno profondo patologico).

Attualmente, i veterinari statunitensi si affidano a tre tipi di farmaci per ucciderli, ma i parassiti sembrano diventare resistenti a tutte le terapie. I ricercatori del UGA College of Veterinary Medicine (1) hanno riferito per la prima volta questa resistenza ai farmaci nel 2019 (2) e poi nella nuova ricerca, pubblicata di recente nella rivista internazionale International Journal for Parasitology. (3)

Per lo studio attuale, i ricercatori si sono concentrati sulle attuali ed ex gare dei Greyhounds (razza canina appartenente al gruppo dei levrieri). Le piste dei cani sono particolarmente favorevoli a diffondere il parassita dovuto alla terra sabbiosa delle strutture, un terreno di riproduzione ideale per i parassiti. A causa delle condizioni, tutti i cani sono parassitati all’incirca ogni tre o quattro settimane.

Dopo aver analizzato i campioni fecali da Greyhound Adoction Kennels, tre pratiche veterinarie che funzionano con gruppi di adozione e un canile da corsa attivo, i ricercatori hanno trovato i parassiti che erano altamente prevalenti nella razza. «Quattro, cinque esemplari di Greyhounds testati si sono infettati. E quelli testati risultati negativi sono probabilmente anch’essi infetti», ha detto il dottor Ray M. Kaplan, (4) l’autore corrispondente dello studio ed ex professore di parassitologia veterinaria all’University of Georgia (UGA).

La squadra ha evidenziato che i cani avevano ancora alti livelli di infezione da hookworms anche dopo il trattamento terapeutico.

Lo studio segna la prima dimostrazione di una resistenza diffusa multipla da farmaci di un parassita in un cane.

Mutazioni del parassita

In situazioni in cui ci sono molti cani infetti da un gran numero di parassiti, come alle fattorie di allevamento di cani da corsa e ai canili, ci sono molte altre opportunità per i parassiti nel sviluppare mutazioni rare che consentono loro di sopravvivere ai trattamenti terapeutici. Se gli antiparassitari vengono applicati frequentemente, i vermi emergenti resistenti sopravvivono e passano alla mutazione che aiuta la loro prole a superare il farmaco.

Con ripetuti trattamenti nel tempo, la maggior parte dei vermi farmaco-sensibili alla fattoria o nel canile saranno uccisi, e poi i vermi resistenti predomineranno.

I veterinari solitamente testano gli animali dopo il trattamento per garantire che i vermi sono spariti, ma il controllo degli animali deve ulteriormente continuare. I parassiti resistenti alla terapia vanno osservati fino a quando il cane contrae un’infezione acuta e inizia a mostrare segni di malattia da hookworms.

I ricercatori hanno scoperto che quasi tutti i campioni fecali sono stati testati positivi per la mutazione che permette ai parassiti di sopravvivere a un trattamento con Benzimidazolo, una classe di antiparassitario di ampio spettro utilizzata in animali e umani. Sebbene un test molecolare non esiste ancora per testare la resistenza agli altri due tipi di farmaci, altri tipi di test del team hanno dimostrato che anche i hookworms hanno resistito a quei farmaci.

Un possibile terreno di riproduzione per un potenziale focolaio di hookworms resistenti ai farmaci è anche il posto che molti proprietari di cani usano per esercitare i loro animali: i parchi per cani.

Il dottor Ray Kaplan esprime questa osservazione: «Personalmente, non andrei con il mio cane in un parco per cani. Se il tuo cane raccoglie questi parassiti resistenti, non avrai più la possibilità di trattarlo con i farmaci. Fino a quando non sono disponibili nuovi tipi di farmaci, far scorazzare il proprio cane in un parco per cani deve essere considerata un’attività rischiosa».

Le conseguenze

I cani non devono ingerire i vermi per essere infetti. Le larve del hookworm vivono nel terreno e possono anche scavare attraverso la pelle del cane e le zampe. I cani femmine possono passare il parassita ai loro cuccioli attraverso il loro latte. Oltretutto, i hookworms dei cani possono passare all’uomo.

L’infezione non si manifesta nello stesso modo nelle persone, ma dopo che i vermi penetrano nella pelle, causano un’eruzione rossa e molto pruriginosa mentre si muovono sotto la pelle. Poiché il numero di vermi resistenti ai farmaci cresce, anche gli umani potrebbero essere più esposti.

In precedenza, i medici hanno trattato i cani con un unguento contenente un miscuglio a base di un antiparassitario e un corticosteroide. «Sfortunatamente, non funzionerà contro questi hookworms resistenti alla droga», ha detto Kaplan.

Ma la speranza non è interamente persa.

Il dottor Ray M. Kaplan e il dottor Pablo David Jimenez Castro, (5) principale autore dello studio e laureato dal laboratorio di Ray M. Kaplan, hanno trovato un altro lavoro scientifico secondo il quale questi parassiti Hookworms, resistenti a farmaci multipli, sembrano essere suscettibili all’emodepside (un farmaco antielmintico), un antiparassitario attualmente approvato negli Stati Uniti solo per l’uso nei gatti. E evidente che somministrare ai cani un farmaco adatto per i gatti richiede le competenze e una supervisione veterinaria.

Basato in parte sul lavoro del dottor Pablo David Jimenez Castro, l’American Association of Veterinary Parasitologist ha recentemente formato una task force nazionale per affrontare la questione della resistenza ai farmaci negli ambiti canini.

I coautori su questo studio includono Abigail Malatesta, uno studente veterinario dell’Università di Tuskegee, Hannah Huff, attualmente uno studente veterinario dell’Università della Georgia e ricercatori dell’Università di Calgary in Canada.

Riferimenti:

(1) UGA College of Veterinary Medicine

(2) Multiple drug resistance in the canine hookworm Ancylostoma caninum: an emerging threat?

(3) Multiple drug resistance in hookworms infecting greyhound dogs in the USA

(4) Ray M. Kaplan

(5) Pablo David Jimenez Castro

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Dog parasite is developing resistance to treatments

Source